San Donaci '57 (documentario - teaser)

San Donaci è un piccolo paese contadino dell’entroterra pugliese, al confine tra le province di Brindisi, Lecce e Taranto, in quella zona del Salento dove il vino è prezioso come l’oro. Un posto pacifico in cui si cresce all’ombra degli ulivi secolari e si aspetta settembre per annusare l’odore dolciastro del mosto, simbolo del profondo legame tra questa fiera comunità e la sua florida terra. La vendemmia è ogni anno un momento fondamentale per determinare il destino economico e sociale dei sandonacesi.

Ma nell’estate del 1957 la bellezza di questo rito, tramandato di generazione in generazione, fu interrotto bruscamente da un drammatico fatto di sangue.

Quell’anno, a partire dagli ultimi giorni di agosto, l’eccessivo ribasso del prezzo dell’uva aveva determinato una serie di manifestazioni di malcontento dei contadini, scesi nelle piazze dei limitrofi paesi di Torchiarolo, San Pietro Vernotico e Cellino San Marco per scioperare contro chi voleva ridurli alla fame. Di giorno in giorno la protesta cresceva. Furono incendiati alcuni edifici, l’ufficio del dazio e del collocamento, determinando la reazione delle forze dell’ordine che a San Pietro avevano sparato ferendo gravemente alcuni manifestanti.

Il 9 settembre il dissenso si spostò a San Donaci. Dopo una mattinata di scontri tra Polizia, Carabinieri e rivoltosi, nel pomeriggio giunse in paese una unità speciale capeggiata dall’Ispettore Rateni che diede ordine di sparare ad altezza d’uomo. In pochi tragici minuti furono colpiti a morte tre giovani braccianti: Antonia Calignano, Mario Calò e Luciano Valentini.

Poi tutto si fermò.

Chi ricorda ancora, sessant’anni dopo, quello che la stampa nazionale definì “l’eccidio di San Donaci?”

Per i giorni successivi a quegli accadimenti, tutte le grandi personalità del tempo si occuparono di questa vicenda; tra gli altri, l’allora Ministro degli Interni Fernando Tambroni, Giuseppe Di Vittorio, Giorgio Napolitano, Giorgio Bocca ed un giovane Sandro Curzi.

Cosa accadde dopo? Quali conseguenze determinò quell’avvenimento? A chi interessa più questa storia?

Fabrizio Saccomanno è un autore ed attore teatrale da molti anni impegnato nella ricerca e nella conservazione della memoria come elemento cardine per interpretare la complessità dell’attuale società.

I suoi monologhi sono pietre. Le sue storie, la sua gestualità, i suoi occhi ipnotizzano e catturano chi assiste alle sue performance in uno spettacolo denso di riflessione e coinvolgimento emotivo. Dopo aver letto “La guerra del Vino”, il libro di Alfredo Polito e Valentina Pennetta che ricostruisce con dovizia di particolari i fatti del ’57, Fabrizio inizia a scavare, così come è abituato.

L’obbiettivo è realizzare uno spettacolo teatrale che riporti alla luce quelle immagini dimenticate. Incontra gli autori della pubblicazione, gli storici e gli esperti, chi ha custodito e raccolto le memorie di quanto accaduto, i testimoni del tempo; quei giovani, ormai divenuti vecchi, in grado di fornirgli qualsiasi indizio utile a ricostruire un mondo ormai perso.

Nel settembre del 2017 nasce “Sangue di quella terra”.

Quello che segue è un piccolo studio, un'anticipazione del suo intenso percorso.

SCHEDA TECNICA

Produzione: C.T.P. Brindisi, La Kinebottega

Durata : 7 min 33 sec

Anno di produzione: 2017

Scritto, girato e montato: Simone Salvemini con l’amichevole partecipazione di Fabrizio Saccomanno

Direttore di produzione: Emanuela Mola

Aiuto regia, fonico e grafica: Francesco Lacorte

Musiche originali: Giuseppe Cassaro

Grazie a: Domenico Fina, Gianluca Zurlo, Agnese Baldassarre, Alfredo Polito, Valentina Pennetta, Fabrizio Saccomanno, Laura Scorrano, URA Teatro, Cantina San Donaci, EchiVisivi, Azienda Agricola Chiarivì, Apulia Film Commission, Cineporti di Puglia - Lecce, Archivio di Stato Brindisi, Marco Pagano, Vito Antonio Leuzzi, Pietro Caprioli, Severino Garofano, Osvaldo Marangio, Don Marco Fina, Vincenzo Coppola, Gaetano Lolli, Antonio Pennetta, Michele Devita, Diego Brancasi, Famiglia Petrosillo, Associazione Terza Età San Donaci, Amministrazione di San Donaci; i familiari, i parenti, i testimoni dei tragici fatti del '57.

Dedicato al ricordo di Antonia Calignano, Mario Calò, Luciano Valentini

Guarda lo spot

L'Approdo delle anime migranti

L Approdo

Otranto. Il relitto di una nave corroso dal tempo e dalla violenza di una tragedia lunga 14 anni. Uno scultore greco di fama internazionale accetta la sfida contro il tempo per realizzare un grande monumento. Sette giovani artisti provenienti da vari paesi europei a lezione da un maestro. Uno scrittore pugliese indaga con tenacia per non dimenticare. Lo sforzo di una comunità perché storia, memoria e fratellanza non lascino spazio al naufragio sociale. La Kater I Rades, motovedetta albanese, protagonista della “Strage del Venerdì Santo” nella quale morirono 81 persone il 28 marzo 1997, giunge al suo ideale approdo.

Leggi tutto: L'Approdo delle anime migranti

Il Giorno Che Verrà

il giorno che verra

"Il Giorno che Verrà", docufilm di Simone Salvemini sull’emergenza ambientale del territorio brindisino, è stato selezionato nell’ambito del Green Unplugged Film Festival: una piattaforma digitale che in pochi anni ha raggiunto il numero record di 64 milioni di spettatori nel mondo.

Leggi tutto: Il Giorno Che Verrà

La Kinebottega di Simone Salvemini - P.IVA: 02052140742
Tutti i contenuti sono di proprietà della Kinebottega.Vietata la duplicazione con qualsiasi mezzo